Itinerari Fotografici Guidati • Massimo Renzi
Itinerari Fotografici Guidati • Massimo Renzi

Carnevale in barbagia

LulaBattileddu,

la maschera del Carnevale di Lula, è sicuramente una delle più impressionanti maschere del carnevale sardo. Ha il viso sporco di sangue e annerito dalla fuliggine e il corpo ricoperto di pelli di pecora e montone. Sul capo porta due corna fra le quali viene fissato uno stomaco di capra, mentre sulla pancia, sotto i campanacci, uno stomaco di bue riempito di sangue, che viene bucato di tanto in tanto. Su Battileddu è la vittima sacrificale del carnevale. Intorno a lui si muovono maschere dal volto nero che lo aggrediscono più volte fino a ucciderlo ma alla fine risorgerà, caratteristica che secondo molti dimostrerebbe come anche la maschera di Lula, come la maggior parte delle maschere sarde, tragga origine dai riti Dionisiaci.

 

Mamoiada: Mamuthones e Isshohadores

Probabilmente quello di Mamoiada, paese al centro della Barbagia, è il carnevale sardo più noto anche fuori dalla Sardegna. I protagonisti assoluti sono le bellissime maschere dei Mamuthones e degli Issohadores. I primi indossano le famosissime maschere nere di legno, pelli ovine sul corpo e soprattutto pesanti campanacci sulla schiena, che agitano seguendo dei precisi passi di danza. Gli Issohadores hanno un aspetto più umano, portano giubbe rosse e pantaloni bianchi. I due gruppi portano avanti una vera e propria cerimonia, tanto affascinante quanto misteriosa, che affonda le sue radici nella lontana cultura sarda agro-pastorale ed anch’essi legati ai culti ed a riti dionisiaci.

 

Ottana: Boes e Merdules

Maschere antropomorfe, uomini vestiti da buoi come quelli che sfilano per le strade di Ottana.

La caratteristica principale di questo Carnevale è data dalle particolari maschere de Sos Merdules che rappresentano, genericamente, con questo unico termine, le maschere de Sos Boes e di altri animali, quali: Porcos, Molentes, Crapolos.

Il Carnevale che con le sue maschere per tre giorni impazza per le vie del paese, a partire dalla domenica di quinquagesima, fino al martedì che precede il mercoledì delle ceneri.

 

Bosa: S’Attittidu

Il Carnevale di Bosa è noto per essere tra i più particolari e irriverenti carnevali della Sardegna.

Si raggiunge culmine il martedì grasso con il lamento funebre di S’Attittidu. Le maschere indossano il costume tradizionale per il lutto: gonna lunga, corsetto e ampio scialle nero; ogni maschera porta in braccio una bambola di stracci e gira per il paese emettendo, con voce in falsetto, un continuo lamento, S’Attittidu appunto. Chiedono unu Tikkirigheddu de latte per ristorare il bambino di stracci che portano in grembo, abbandonato dalla madre dedita ai bagordi del Carnevale.

Il riferimento, più o meno velato, è di chiara allusione sessuale. Per le vie principali del paese è tutto un tumulto di maschere, di risa, di sberleffi.

 

Programma:

 

Sabato 10 febbraio

08,40               Appuntamento aeroporto di Fiumicino

09,40               Partenza Blue Air per Alghero

10,45               Arrivo Alghero

12,30               Check in Hotel a Nuoro

                       Pranzo veloce

14,00               Lula

                       Rientro a Nuoro

                       Cena

                      

Domenica 11 febbraio

09,30               Centro storico di Nuoro

                       Pranzo

16,00              Ottana

                       Cena

                       Rientro a Nuoro

                      

Lunedi 12 febbraio  

09,30               Orgosolo Murales

                       Pranzo

                       Parco Archeologico

                       Santa Cristina

                       Rientro a Nuoro

                       Cena

                      

Martedi 13 febbraio 

09,00               Bosa

                       Pranzo

15,00               Mamoiada

                       Cena

                       Rientro Nuoro

 

Mercoledi 14 febbraio        

09,30               Check out Hotel

11,00               Aeroporto di Alghero e Riconsegna auto

11,45              Aeroporto Partenze

12,45               Partenza per Roma

13,45               Arrivo a Fiumicino

 

COSTO:
€ 495,00 per i fotografi
€ 405,00 per gli accompagnatori

Con sistemazione in camera doppia/matrimoniale

Maggiorazione € 160,00 per camera singola


N. MINIMO di partecipanti: 5


IL COSTO COMPRENDE:
- Auto a noleggio, autista e carburante.

- Assistenza fotografica per tutto il periodo, pernottamento e prima colazione in camera doppia.

 

IL COSTO NON COMPRENDE:

-Volo aereo Fiumicino - Alghero e ritorno (oggi il prezzo A/R è di 125,00 euro compreso 1 bagaglio in stiva con Blue Air)

- Pasti e Bevande

- Eventuali biglietti d’ingresso a luoghi di pubblico interesse

- e tutto quello non menzionato sopra.

-----------------------------------------------------------------------------
Attrezzatura consigliata:

- Medio tele

- Memory Card di riserva

 

Abbigliamento invernale
Il sole sorge alle ore 7,18 e tramonta alle ore 17,57
-----------------------------------------------------------------------------
ISCRIZIONI:

Scadenza iscrizioni: 19 Gennaio 2018.
Non sono valide le iscrizioni su FB ma soltanto con contatto diretto:
Massimo Renzi 334.955.1796 - fotografia.studiomax@gmail.com

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
Studio Max - P.IVA: 05570661008